• Italiano
  • Inglese

Anche il Presidente Melazzini al ‘Trofeo Stradivari’ a favore della ricerca sulla SLA

Il Presidente Melazzini: “Grazie a Fondazione Vialli e Mauro e AISLA Onlus per questo speciale evento”

_____________________________________________________________________________

“Credo che nessuno debba essere turbato dalla malattia, perché si può vivere con essa se si prende consapevolezza che insieme alla ricerca si fanno passi da gigante”.

Sono queste alcune delle parole del Presidente di Fondazione AriSLA, Mario Melazzini, intervenuto venerdì 25 settembre alla premiazione del ‘Trofeo Stradivari’, che si è volto a Cremona al Golf Club ‘Il Torrazzo’ della famiglia Bottini per iniziativa dei due soci Fondatori, Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus e AISLA Onlus, a favore della ricerca sulla SLA. 

“Grazie a Fondazione Vialli e Mauro e AISLA Onlus per aver organizzato questo speciale evento”, ha detto sul palco il Presidente Melazzini, insieme anche a Gianluca Vialli e Massimo Mauro, rispettivamente Presidente di Fondazione Vialli e Mauro e Presidente di AISLA Onlus, testimoniando l’importanza del gioco di squadra tra le tre realtà per raggiungere nuovi risultati per migliorare la vita delle persone con SLA.

E’ stata un’emozionate ‘reunion’ quella di venerdì al Golf Club ‘Il Torrazzo’: il ‘Trofeo Stradivari’ non si giocava dal 2011 e quella di venerdì scorso ha rappresentato l’occasione per rilanciare la campagna social ‘#Nevergiveup’, diffusa in questi mesi da Fondazione Vialli e Mauro e condivisa anche da AISLA Onlus e Fondazione AriSLA.

Tante le celebrità del mondo del calcio e dello spettacolo che hanno deciso far parte dello speciale evento e sostenere la causa: Alessio Tacchinardi, Cesare Prandelli, Michele Paramatti, Attilio Lombardo, Alessandro Bonan, Stefano Nava, Andrea Marchesi e Michele Mainardi.

“Grazie a chi in questi anni – ha concluso il Presidente Melazzini ha condiviso la speranza nella ricerca, trasformando anche momenti di sensibilizzazione in azioni concrete. Perché non bisogna mai smettere di credere e sperare”.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO