• Italiano
  • Inglese

Premio L’Oreal-Unesco For women in science: bonus da 20 mila euro per 5 ricercatrici under 35

logo-fwis-ad383fc779da639f8d584523cee6373cSegnaliamo un interessante articolo pubblicato oggi da ‘Il Sole 24 Ore’ che annuncia che sono aperte le iscrizioni della sedicesima edizione del premio “L’Oreal-Unesco For women in science” che punta a favorire il perfezionamento delle giovani ricercatrici impegnate in tutti i campi della scienza. Nell’articolo si legge che ‘tra i motivi sullo sfondo dell’iniziativa c’è la necessità di colmare il gender gap nella ricerca: infatti nel mondo poco più di un ricercatore su quattro è donna e da quanto è stato istituito il Premio Nobel nelle scienze solo il 3% delle onorificenze è andato a scienziate.

Con sei borse di studio, ognuna di 20 mia euro, anche quest’anno verranno premiate le migliori ricercatrici under 35 residenti in Italia e laureate in discipline nell’area delle scienze della vita e della materia, incluse ingegneria, matematica e informatica. Le candidature possono essere inviate entro il 15 gennaio 2018”.

Nell’articolo si sottolinea che l’iniziativa ha una portata mondiale e ogni anno 5 scienziate, una per continente, la cui attività è stata riconosciuta al massimo livello, ricevono il riconoscimento per la loro attività durante una cerimonia di premiazione che si svolge a Parigi.

Il bando per l’edizione 2018, il regolamento e la domanda di ammissione sono disponibili sul sito http://www.forwomeninscience.com.

Come AriSLA non possiamo che sostenere queste iniziative in linea con la nostra mission che ha come principale obiettivo quello di valorizzare l’eccellenza della ricerca italiana e in particolare i giovani di talento. Noi ogni anno sosteniamo circa 20 giovani ricercatori italiani in ambito SLA che lavorano nei gruppi di ricerca destinatari del Grant AriSLA. Il 40% di essi ha una specializzazione nel campo delle biotecnologie, il 20% è medico e oltre il 30% ha studiato biologia. Questi professionisti hanno un’età media di 31 anni, per la maggior parte sono donne e sono distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Il nostro impegno continuerà ad essere profuso per essere al fianco di tutti coloro che fanno ricerca per trovare al più presto una cura efficace contro la SLA.

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO