• it
  • en

Novità dallo studio DDRNA&ALS

Il progetto di ricerca “DDRNA and ALS”, finanziato da Fondazione AriSLA e coordinato da Fabrizio d’Adda di Fagagna in collaborazione con Ubaldo Gioia dell’IFOM (Istituto FIRC di Oncologia Molecolare) di Milano, si prefigge di esplorare se difetti nei meccanismi di risposta al danno del DNA (DDR – DNA Damage Response) possano giocare un ruolo nella neuro-degenerazione associata alla SLA.

In studi precedenti, infatti, è stato evidenziato come i motoneuroni di pazienti affetti da SLA non riescano a riparare efficientemente i danni al DNA che progressivamente si accumulano nella cellula determinando, infine, la neuro-degenerazione. Tuttavia, i meccanismi molecolari che sottintendono all’accumulo del danno al DNA non sono stati ancora pienamente chiariti.

In questo lavoro, recentemente pubblicato su Scientific Reports, è stato dimostrato che l’uso di una molecola utilizzata per il trattamento delle infezioni, che ha mostrato effetti benefici sulla funzione neuromuscolare in modelli murini di SLA, migliora la sintesi dei DDRNA (piccole molecole di RNA che tutelano l’integrità del DNA mettendo in allarme la cellula quando questo è danneggiato) e stimola le cellule a riparare i danni al DNA più rapidamente ed in modo più accurato.

 

 

Il meccanismo di riduzione del danno al DNA studiato in questo lavoro potrebbe in futuro contribuire a sviluppare  nuovi trattamenti per rallentare il processo neurodegenerativo nella SLA.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO