• Italiano
  • Inglese

MARIO MELAZZINI TORNA PRESIDENTE DI FONDAZIONE ARISLA

Milano, 24 maggio 2019 – “Torno con l’intenzione di contagiare ancora di speranza e di entusiasmo pazienti e ricercatori. Lo farò con gli strumenti che hanno contrassegnato la storia della nostra  Fondazione: i fatti concreti”.  É questo il commento di Mario Melazzini che, dopo tre anni, torna a ricoprire la carica di presidente di AriSLA, Fondazione Italiana di Ricerca per la Sclerosi Laterale Amiotrofica. La nomina è stata decisa dai quattro soci fondatori, AISLA ONLUS Fondazione Telethon, Fondazione Cariplo, Fondazione Vialli e Mauro.

Melazzini, onco-ematologo e ricercatore succede alla presidenza di AriSLA ad Alberto Fontana. Nato a Pavia nel 1958 si è ammalato di SLA nel 2003. 

Melazzini, tra i Fondatori di AriSLA era già stato Presidente fra il 2008 e il 2012, quindi dal 2013 al 2016.

La sua vita è stata tutta contrassegnata da un’incessante attività di promozione dello sviluppo della ricerca scientifica e la sua azione di medico e di uomo impegnato nel sociale è stata dedicata alla solidarietà e di attenzione ai pazienti. 

Fra gli incarichi pubblici ricoperti nella sua prestigiosa carriera quello di Assessore alla Sanità di Regione Lombardia, Assessore alle Attività produttive, ricerca e innovazione, Assessore all’Universita’ ricerca e open innovation della stessa Regione, Presidente e Direttore Generale di AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco. Attualmente Mario Melazzini è Direttore Scientifico Centrale ICS Maugeri SpA SB IRCCS e componente del Consiglio di amministrazione del CNR, Consiglio Nazionale delle Ricerche.

“Voglio innanzitutto ringraziare Alberto Fontana per il suo impegno appassionato e competente. In AriSLA – dichiara Melazzini – da sempre abbiamo coltivato il principio che solo il lavoro di squadra può determinare successi e accelerare il conseguimento degli obiettivi. Sappiamo di non essere soli, insieme a noi ci sono i soci fondatori, che ringrazio per la fiducia, e c’è il grande cuore della solidarietà. Metto a disposizione di AriSLA la mia esperienza di ricercatore, clinico, quella di amministratore, ma anche quella di paziente Sla. Il mio compito sarà quello di rendere efficiente e credibile la nuova tappa di questa storia che stiamo scrivendo insieme. Mi metto dalla parte dei ricercatori impegnati nell’individuazione di una terapia per le persone colpite dalla SLA e al fianco di tutti i pazienti che affidano alla ricerca la loro speranza, strumento di vita quotidiana”. 

Tutte le componenti di Fondazione AriSLA si uniscono nel vivo e sincero ringraziamento ad Alberto Fontana per il suo impegno alla guida di AriSLA e per i significativi traguardi ottenuti in sinergia con l’attività dei ricercatori.

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO