bannerSulla SLA ci sono ancora tante domande. Aiutaci a trovare le risposte sostenendo la ricerca scientifica con il tuo 5x1000’ è questo l’invito rivolto da AriSLA - Fondazione Italiana di ricerca per la Sclerosi Laterale Amiotrofica, nella nuova campagna 5x1000 mirata a dare continuità al prezioso lavoro dei ricercatori italiani, impegnati a individuare le cause della malattia. La SLA è una malattia rara neurodegenerativa di cui ancora si conosce molto poco, che porta alla paralisi progressiva di tutta la muscolatura volontaria: nel tempo immobilizza, impedisce di comunicare, fino a compromettere le funzioni vitali, ma non fa perdere la capacità di provare ancora emozioni e lascia intatte, nella maggior parte dei casi, le abilità cognitive.

In Italia sono 6000 le persone malate di SLA e investire nella ricerca scientifica significa contribuire a dare speranza in un futuro senza la malattia.  Ad oggi grazie a quanto raccolto con il 5x1000, AriSLA ha potuto finanziare i progetti di ricerca cha hanno portato alla scoperta di quattro dei geni coinvolti nelle cause della patologia e supportare altri due studi, attualmente ancora in corso: il primo è finalizzato a testare l’efficacia di un farmaco nel rallentare il decorso della malattia; il secondo si pone l’obiettivo di approfondire le conoscenze sul ruolo di una proteina negli eventi che scatenano la malattia.

Il contributo delle donazioni del 5x1000 di quest’anno servirà a supportare i giovani ricercatori che verranno selezionati con la ‘Call for Projects 2017’, lanciata da AriSLA nelle scorse settimane con l’obiettivo di aggiungere nuovi tasselli alla conoscenza scientifica sulla SLA, al fine di traslare in modo efficace i risultati della ricerca dal laboratorio alle persone con SLA e migliorarne la loro qualità della vita.

Dal 2009 ad oggi, grazie al sostegno dei quattro Soci Fondatori (AISLA Onlus, Fondazione Cariplo, Fondazione Telethon e Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus) e alle donazioni ricevute, AriSLA ha potuto investire 10.607.894 euro in attività di ricerca, ha sostenuto 62 progetti di ricerca scientifica di base, traslazionale, clinica e tecnologica ed è stata al fianco di oltre 250 ricercatori italiani, offrendo servizi e strumenti a supporto del loro impegno quotidiano. E’ possibile sostenere la ricerca sulla SLA e il lavoro di AriSLA inserendo nella propria dichiarazione dei redditi, il codice fiscale 97511040152 nel registro degli “Enti della ricerca scientifica o delle Università” o “Enti della ricerca sanitaria”.

Una firma può davvero fare la differenza.