• Italiano
  • Inglese

SUCCESSO DELLA ‘1^ RANDONNE’E ARCISATE’: RACCOLTI 8MILA EURO A SOSTEGNO DELLA RICERCA SULLA SLA

All’evento hanno partecipato oltre 250 appassionati di ciclismo, entusiasti di correre per supportare Fondazione AriSLA, impegnata nel finanziare progetti di ricerca sulla SLA.

______________________________________________________________

 Velmaio di Arcisate (Varese) 10 luglio 2021 –Non ci aspettavamo un tale successo per la ‘1^ Randonnèe di Arcisate’. Abbiamo lavorato per mesi, superando le criticità dovute all’emergenza Covid-19, per la buona riuscita dell’evento e oggi siamo soddisfatti della ampia partecipazione e del risultato raggiunto: poter destinare 8mila euro a Fondazione AriSLA a sostegno della ricerca sulla SLA ci riempie di gioia e gratitudine verso tutti i partecipanti, gli sponsor, le istituzioni locali che hanno condiviso e supportato questo progetto. Confidiamo l’anno prossimo di poter organizzare una seconda edizione”.

Sono queste le parole di Fabio Mentasti, Presidente della Società dilettantistica di ciclismo di Arcisate, organizzatrice dell’evento benefico, che si è svolto domenica scorsa nel comune del varesotto con lo scopo di raccogliere fondi per la ricerca. La manifestazione è nata per iniziativa di Daniele Bongiorno, appassionato di ciclismo e tra gli iscritti della Società, che da qualche mese ha appreso di avere la SLA: il suo impegno e quello di tutto il team hanno dato vita all’evento benefico.

E’ così che è nata la ‘1^ Randonnè di Arcisate’, che ha visto la partecipazione di oltre 250 ciclisti, pronti a mettersi in sella per sostenere la causa benefica. Tra loro anche gli ex professionisti Cadel Evans e Luca Barattero, quest’ultimo ha corso insieme al Team AriSLA, gruppo composto da volontari e guidato dal castellettese Oscar Nicoletti, che dal 2016 si impegna per supportare la mission della Fondazione.

A esprimere il ringraziamento da parte di Fondazione AriSLA è il Presidente Mario Melazzini: “Rivolgo il nostro sincero grazie agli organizzatori e a tutti i partecipanti a questa significativa manifestazione, che ha avuto il merito di trasformare una passione, quella per il ciclismo, che confesso essere anche la mia, in un supporto concreto alla ricerca sulla SLA. Un gesto importante, che contribuisce ad incrementare le risorse da mettere in campo per aiutare chi fa ricerca a sviluppare nuovi progetti. Ogni aiuto è fondamentale per raggiungere nuovi risultati: insieme possiamo costruire un mondo libero dalla SLA”.

“Queste occasioni confermano come lo sport e in particolar modo il mondo del ciclismo sia fortemente sensibile al tema della ricerca– ha commentato il Responsabile scientifico di AriSLA, Anna Ambrosini, che domenica è intervenuta alla premiazione –. Siamo molto grati a Daniele, alla Società dilettantistica di ciclismo di Arcisate e a tutti coloro che hanno aderito a questa importante manifestazione. Entro l’anno annunceremo gli studi che saranno finanziati grazie al Bando 2021 e come sempre ci impegneremo affinché tutte le donazioni ricevute siano impiegate nel modo migliore e rivolte ai progetti giudicati più meritevoli, con l’obiettivo di avvicinarci ad una cura per questa malattia”.

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO