• Italiano
  • Inglese

La testimonianza del ricercatore Giovanni Nardo

Continuiamo a raccontarvi le storie dei nostri testimoni di speranza. Questa è la volta di Giovanni Nardo, ricercatore presso l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCSS, Milano, e coordinatore del progetto ‘MacrophALS‘, uno dei progetti di ricerca selezionati con il Bando AriSLA 2020. . 

Ecco la sua storia. 

Sono nato a Tropea (VV) e ho 41 anni. Nonostante le difficoltà di questo periodo, la ricerca, fortunatamente, non si è mai fermata completamente. All’inizio non è stato facile gestire gli esperimenti con l’incertezza delle possibili chiusure. Per qualche mese abbiamo dovuto riorganizzare il lavoro ma è stato anche un momento che ci ha permesso di ridefinire le priorità e concentrarci su aspetti lavorativi come la scrittura di lavori e progetti di ricerca, ad esempio il Bando AriSLA 2020.

Perché sono diventato ricercatore? Ad esser sincero mi sono iscritto al corso di laurea in Biologia incuriosito dall’etologia. Poi durante gli anni universitari mi sono appassionato alla biologia molecolare che mi ha fatto avvicinare al mondo della ricerca di base. Volevo un lavoro dinamico e mai ripetitivo e il ricercatore rappresenta perfettamente queste caratteristiche.

Tra le mie esperienze all’estero, ci sono i due anni passati al Sitran, Istituto di Neuroscienze Traslazionali di Sheffield, presso il laboratorio della Professoressa Pamela Shaw. Sicuramente è stata un’esperienza fondamentale nel mio percorso di formazione umano e lavorativo. Infatti ho avuto la possibilità di confrontarmi con un gruppo di ricerca internazionale e interagire con figure professionali in grado di supportarmi in ogni aspetto del mio sviluppo come ricercatore.

Credo che ogni persona incontrata in questi anni abbia contribuito al ricercatore che sono diventato. Sicuramente i miei colleghi/amici, con cui ho iniziato questo percorso e che ora svolgono la loro ricerca in altri Istituti, sono stati e sono tutt’ora un punto di riferimento e di confronto costante.

Perché lo studio la SLA? La possibilità di domandarsi il “perché” di una cosa e il poter lavorare, concretamente, per cercare una risposta è quello che mi spinge nel lavoro. In questo credo che la SLA sia una sfida continua e uno continuo stimolo. Studio questa malattia nella speranza di fare qualcosa di utile, di provare, nel mio piccolo, a migliorare la qualità della vita delle persone. 

Nel mio caso la motivazione è prima di tutto intellettuale. Il piacere e la necessità di affrontare le problematiche che ogni approccio sperimentale richiede e l’analisi finale del risultato raggiunto. Questa è la motivazione che mi fa alzare dal letto la mattina con la convinzione che quanto di buono verrà fatto ogni singolo giorno porterà progressivamente allo sviluppo di una maggiore conoscenza della malattia. Durante i Congressi organizzati da AriSLA ho avuto modo di incontrare i pazienti e i loro familiari. Ogni volta vengo colpito dalla fiducia che ripongono nei confronti della ricerca.

Il Grant ricevuto da Fondazione AriSLA è una soddisfazione personale e una responsabilità. Cercherò di sfruttare al meglio queste risorse per provare a capire i meccanismi alla base dell’interazione tra sistema immunitario e muscolo scheletrico, con la convinzione di poter dare un contributo alla conoscenza della SLA.

Pensando all’aforisma “Nella scienza, come nella vita, non ci sono traguardi ma solo nuove sfide”, questo grant non sarà un punto di arrivo ma un punto di partenza che spero porterà ad ulteriori sfide.

Nel tempo libero gioco a tennis. Oltre ad essere una valvola di sfogo, mi sono reso conto di quanto questo sport mi aiuti sulla concentrazione. La concentrazione, infatti, è un’abilità mentale che serve sempre e ovunque nella vita. Ricerche scientifiche, infatti, dimostrano che le capacità dell’atleta di mantenere alta la propria concentrazione è direttamente influenzata dalla capacità di rimanere focalizzato sul presente e sugli obiettivi. E questo cerco di riportarlo quotidianamente nel mio modo di fare ricerca. 

_____________________________

Leggi qui tutte le altre storie dei nostri testimoni di speranza

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO