SLA, IL ‘TEAM ARISLA’ PRONTO PER LA ’12H CYCLING MARATHON 2017’

NOEMI CANTELE: “PEDALARE PER UN FUTURO SENZA SLA E’ LA SFIDA CHE CI APPASIONA DI PIU’”

 

Le donazioni raccolte saranno destinate al progetto di ricerca tecnologica ‘ECO_ALS, che metterà a punto un sistema tecnologico per consentire ai pazienti affetti da SLA di poter gestire in autonomia la postura del letto articolato e della carrozzina elettrica

Noemi Cantele e Francesco Frattini e altri componenti Team AriSLA

_________________________________________

 Castelletto Ticino, 13 maggio 2017 Vincere contro la SLA sarebbe il successo più grande. Il mio impegno e quello di tutto il Team AriSLA è di pedalare affinché ci sia un futuro senza questa malattia, contribuendo a raccogliere fondi a sostegno dell’eccellenza della ricerca italiana. Mettersi in sella affrontando questa nuova sfida è un’emozione molto forte ed è fonte di determinazione a dare il meglio di sé. E’ fondamentale che ognuno si senta consapevole che è possibile far parte di questo progetto: in modi diversi e con piccoli gesti, tutti possiamo contribuire ad aiutare i ricercatori a continuare il loro prezioso lavoro e a trovare al più presto una cura”.

Sono queste le parole di Noemi Cantele, medaglia d’Argento ai mondiali di ciclismo Mendrisio 2009 e prima ex ciclista professionista ad aver aderito al ‘Team AriSLA’, gruppo di campioni del ciclismo e appassionati, nato a sostegno di Fondazione AriSLA e della ricerca scientifica sulla SLA e presentato a Castelletto Ticino, presso lo spazio Cicli Varsalona.

TEAM ARISLA, IN MENO DI UN ANNO DA 16 A 70 COMPONENTI – Il ‘Team AriSLA’ è nato nell’aprile 2016 da un’idea degli “Amici di Daniele”, associazione attiva da otto anni sul territorio locale con diverse iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi a sostegno della ricerca sulla SLA, in memoria dell’amico scomparso prematuramente a causa di questa malattia. “Tra di noi c’erano molti appassionati di ciclismo ha spiegato Oscar Nicoletti, dell’Associazione ‘Amici di Daniele’ e promotore del ‘Team AriSLA’pronti a mettersi in gioco anche in competizioni che potessero portare sostegno a chi fa ricerca. Ecco allora l’idea di costituire una ‘squadra’ e l’opportunità di coinvolgere una fuoriclasse come Noemi Cantele, che si è subito dimostrata disponibile a far parte del progetto. L’anno scorso il team era composto da 16 componenti, quest’anno siamo in 70. Non posso che ringraziare tutti per questo successo”.

RINGRAZIAMENTO DAL PRESIDENTE ARISLA, FONTANA – “Con questa importante iniziativaha sottolineato il presidente di AriSLA, Alberto Fontanasi ribadisce il nostro e il vostro impegno a sostegno della ricerca scientifica per sconfiggere la SLA. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in questo progetto e in particolare gli ‘Amici di Daniele’ che ormai da sei anni si spendono con entusiasmo affinché la ricerca italiana vinca sulla malattia”.

Nel corso della presentazione, moderata dal giornalista Matteo Caminiti, un plauso per l’iniziativa è arrivato anche dalle istituzioni locali presenti, in particolare dal sindaco di Castelletto Ticino e presidente della Provincia di Novara,Matteo Besozzi, che ha sottolineato ‘come il territorio ancora una volta confermi la sua vocazione solidale e come il gioco di squadra tra diverse realtà per un fine comune porti a risultati positivi”; e dall’Assessore con delega all’Istruzione, allo Sport e alle Politiche Giovanili, Vito Diluca, che ha ribadito ‘come anche dal mondo dello sport, possano giungere esempi virtuosi a sostegno di altri ambiti come la ricerca, che hanno bisogno dell’impegno di tutti per andare avanti’.

Nuova divisa Team AriSLA e bici  Noemi Cantele

 

 

 

I CAMPIONI DEL CICLISMO A SOSTEGNO DELLA RICERCA – Nel Team – che quest’anno indosserà una nuova divisa – ci sono impiegati, liberi professionisti, operai uniti dalla passione per il ciclismo, ma soprattutto dalla voglia di mettersi in gioco al fianco di AriSLA e contribuire ad aiutare la ricerca scientifica sulla SLA in modo concreto. Tra i 70 membri del Team, il più giovane è Alessio Leccese (classe ’89), assicuratore nella vita, che domani convolerà a nozze e che pur di correre alla ‘12H Cycling Marathon’ rientrerà prima dalla luna di miele. Mentre è Leonino Nicoletti, fisioterapista, il più anziano del gruppo: tra qualche settimana spegnerà 73 candeline con tanto entusiasmo.

Dopo Noemi Cantele, da quest’anno, si sono uniti alla squadra altri campioni: Francesco Frattini, Luca Barattero, Luca Bramati, Daniele Nardello, Monica Brunati e Eleonora Guelpa, queste ultime rispettivamente campionessa italiana di mountain bike e membro della nazionale italiana di bob a due. Tante le aziende e i gruppi che stanno credendo al progetto del Team AriSLA per sostenere la ricerca e che hanno brindato insieme agli sportivi.

TEAM ARISLA ALLA ‘12H CYCLING MARATHON’ DEL 3-4 GIUGNO– Tra i prossimi appuntamenti a cui parteciperà il ‘Team AriSLA’, c’è la ‘12H Cycling Marathon’, la gara che si correrà dal tramonto all’alba la notte tra il 3 e il 4 giugno nel circuito dell’Autodromo Nazionale di Monza.

Siamo molto felici – ha detto Andrea Massimello, ideatore della manifestazione sportivache anche quest’anno corra il ‘Team AriSLA’. Questo rappresenta un valore aggiunto alla nostra iniziativa, che si conferma anche un ‘veicolo’ per perseguire obiettivi importanti come il sostegno alla ricerca sulla SLA”. Grazie, infatti, al charity program “Pedala Solidale” voluto dagli organizzatori della Cycling Marathon, in collaborazione con Rete Del Dono, è possibile donare per supportare un obiettivo di solidarietà e per il Team AriSLA questo si concretizza con un progetto di ricerca specifico. https://www.retedeldono.it/it/progetti/fondazione-italiana-di-ricerca-per-la-sclerosi-laterale-amiotrofica/in-sella-per-vincere-la

LE DONAZIONI ANDRANNO AL PROGETTO DI RICERCA ‘ECO_ALS’ – Quest’anno il Team si è posto l’obiettivo di correre per continuare a sostenere il progetto di ricerca tecnologica (Eco_ALS), finanziato da Fondazione AriSLA e coordinato dal dott. Christian Lunetta, neurologo presso il Centro Clinico Nemo di Milano – Fondazione Serena Onlus. “Lo studioha spiegato il segretario generale di Fondazione Serena – Centro Clinico NeMO, Renato Pocaterrametterà a punto un sistema tecnologico per consentire ai pazienti affetti da SLA di poter gestire in totale autonomia la postura del letto articolato e della carrozzina elettricagrazie ad un sistema eye-tracker integrato negli occhiali per la realtà aumentata”. Le donazioni raccolte continueranno a sostenere il lavoro della terapista occupazionale del Centro Clinico Nemo, che segue i pazienti nel testare e validare la tecnologia.

 

Sindaco e Assessore Castelletto Ticino con Noemi Cantele alla presentazione del ‘Team AriSLA’

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, che permettono di tenere traccia dell’utilizzo dei siti Web da parte dell’utente e rendere più facile la navigazione. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Cookies policy. Cliccando sul pulsante ACCETTO l'utente acconsente all'uso dei cookies da parte del sito AriSLA. ACCETTO